Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/237


227

Corallina. Sior sì, sior patron; la lassa far a mi.

Pantalone. Brava.

Corallina. Ah, fazzio pulito!

Pantalone. (Vago via, gastalda). Cara culia. (via)

Corallina. Oh che caro vecchietto! El giubila tutto. Adesso son più contenta. Me par de esser segura. No credo mai che el me voggia burlar.

SCENA IV.
Brighella e detta.

Brighella. Fazzo umilissima riverenza a vussustrissima.

Corallina. A mi, vecchio?

Brighella. A ela, lustrissima padrona.

Corallina. A mi sti titoli?

Brighella. Titoli dovudi al so novo grado.

Corallina. Chi v’ha dito de sto novo grado?

Brighella. Me consolo infinitamente delle so contentezze. Ela merita tutto, e me consolo de cuor.

Corallina. Mi no so de cossa che ve consolè.

Brighella. Eh via, illustrissima padrona, so tutto. So che l’è sposa, so tutto. La lassa che ghe basa la man.

Corallina. Chi v’ha dito che mi son novizza?

Brighella. Ghe dirò, védela. Siben che porto la livrea, el mio patron fa qualche stima della mia povera persona. Lustrissima sì, me l’ha confidà el mio patron.

Corallina. E el vostro padron come lo salo?

Brighella. Ghe l’ha dito l’illustrissimo sior Pantalon.

Corallina. (Vardè, i vecchi i xe pezo dei puttei, no i pol taser; e po el me dise a mi che no diga gnente). (da sè)

Brighella. Me raccomando alla so protezion.

Corallina. Ben ben, vecchio, in quel che posso, ve farò servizio.

Brighella. Grazie alla clemenza de vussustrissima, la vederà la poca mia abilità.

Corallina. Cossa saveu far?