Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/235


225

Florindo. Maledetto colui che ti ha generata.

Pantalone. Olà, patron, come gh’andemio?

Florindo. Perdonate la mia disperazione, non so quello mi dica.

Pantalone. (No vôi che sto povero putto perissa). (da sè) Vegnì qua, fio, vegni con mi. Quieteve, che ve passerà.

Florindo. Dove mi volete condurre?

Pantalone. Vegnì in casa mia, fina che ve dà zo sto caldo ...

Florindo. Ah sì, mi sfogherò con quell’ingrata di vostra figlia. (via)

Pantalone. Pian co sto sfogar. Fermeve, che ghe xe el novizzo. (via)

SCENA III.
Camera.
Corallina e poi Pantalone.

Corallina. Oh che cara zoggia. Colù con quella polegana el me voleva magnar el felippo. Nol xe informà, che a casa dei ladri l’è un cattivo robar. El me voleva dar el cappello in pegno. Sì ben, sarò una gonza, che no saverò el prezzo dei cappelli e delle barette.

Pantalone. Sia maledetto sti intrighi. Son qua. Corallina. Chiappemo sto momento felice, e disemo quattro parole in pressa.

Corallina. Ben, che el diga elo, e mi responderò.

Pantalone. Me voleu ben?

Corallina. Sior sì, assae.

Pantalone. E mi ve ne voggio a vu.

Corallina. Grazie; sielo benedetto.

Pantalone. Voleu che ve diga el cuor?

Corallina. Via, che el parla con libertà.

Pantalone. Vardè che ve lo digo, vedè.

Corallina. Mo nol me fazza più penar.

Pantalone. Vegnì qua. Sposemose. (sottovoce all’orecchia)

Corallina. Oh magari!

Pantalone. Sareu contenta?

Corallina. Contentissima.