Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/208

198

Corallina. Cossa xela mo la circonferenza?

Lelio. L’espansione della fibra del cuore.

Corallina. E la fibra cossa xela?

Lelio. La pulsazione del petto.

Corallina. La pulsazion? mi no la intendo.

Lelio. La pulsazione riverberata dal martello de’ vostri lumi.

Corallina. Pezzo che mai.

Lelio. Intendetemi, per carità.

Corallina. La parla chiaro, se la vol che l’intenda.

Lelio. Sapete cosa è il cuore?

Corallina. Sior sì.

Lelio. Amore, sapete che cosa è?

Corallina. Sior sì.

Lelio. Intendete cosa vuol dir ferire?

Corallina. L’intendo.

Lelio. Sapete cosa significa cataplasma?

Corallina. Oh, questo mo gnente affatto.

Lelio. Ecco la costruzione del raziocinio. Amore ha ferito il mio cuore, e alla ferita del cuore vi vuol, mia cara, il cataplasma d’amore. (via)

Corallina. Oh che matto maledetto! No so cossa diavolo che el se diga, ma se no l’intendo lu, no m’importa. Me basta intender che questo xe un diamante, che questi xe do rubini, che questo xe un cerchio d’oro. Cussì l’intendo, e chi se vol far intender dalle donne, ghe vol de sta sorte de parole tonde. Alla prima el m’ha fatto restar incocalia1. Ma se el me torna per i pie, ghe voggio responder de trionfo, ghe vôi piantar anca mi do dozene de spropositi alla so usanza, e ghe voggio dar gusto. A sto mondo chi segonda xe ben visto, e a segondar se vadagna sempre qualcossa. I dise ch’el xe matto? Cossa m’importa a mi? Dai matti se recava più che dai savi; e se no ghe fusse dei omeni matti, nualtre povere donne la passaressimo mal. (via)

Fine dell’Atto Primo.


  1. Stupida: V. vol. II, pagg. 205 e 227.