Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/199


189

Rosaura. Dunque staremo qui soli soli, come tante marmotte.

Pantalone. Sior sì, staremo soli in casa, e vegnirè co mi, co anderemo fora de casa.

Rosaura. Era meglio che stessimo a Venezia. Almeno si vedeva passar qualcuno alle finestre; qui non si vede un cane.

Pantalone. Certo, almanco a Venezia se vedeva passar i morosetti tre o quattro volte al zorno, n’è vero, fia? Almanco se aveva sto poco de divertimento. Ma co tornemo a Venezia, i inchiodarò quei balconi.

Rosaura. Dunque non volete ch’io prenda marito?

Pantalone. Siora sì, co sarà el vostro tempo, ve mariderè. Ma no vôi che se fazza l’amor.

Rosaura. Se gli uomini non mi vedono, non sapranno ch’io ci sono.

Pantalone. Eh, non ve dubitè, siora, che siben che no i ve vede, i sa che ghe sè. Gh’aveè una dota che ve fa cognosser, e a st’ora più de quattro sanseri m’ha parlà de vu.

Rosaura. Più tosto che maritarmi per via di sensale, voglio restar fanciulla tutto il tempo di vita mia.

Pantalone. Oh, basta; adesso no xe tempo de parlar de ste cosse. Devertive; andè in orto, andè in brolo, ma arrecordeve che senza de mi no se passa i restelli.

Rosaura. E qui non ha da venir nessuno?

Pantalone. Mi no ho invidà nissun, e spero che nissun vegnirà a tettarme de mazo1.

Rosaura. Pazienza. Quanto ci staremo?

Pantalone. Diese, dodese zorni, quanto che volè vu.

Rosaura. Per me vi pregherei che andassimo via domani.

SCENA V.
Brighella e detti.

Brighella. (Didentro) Oh de casa? Se pol entrar.

Pantalone. Chi è? Vegnì avanti.

Brighella. Servitor umilissimo de vussustrissima.

  1. Tetar de mazo «importunare, noiare»: Boerio cit. Mazo, maggio.