Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/192

182

Corallina. Via mo, per cossa?

Arlecchino. No ve lo poderessi mai imaginar.

Corallina. Caro vu, diseme.

Arlecchino. El ghe va per la fame.

Corallina. Questa la saveva anca mi.

Arlecchino. E mi, non savi perchè vegna qua?

Corallina. E vu, per cossa?

Arlecchino. Per l’appetito. Alla vostra salute. (beve)

Corallina. Bravo. Ve piaselo?

Arlecchino. Oh caro!

Corallina. Co volè, sè paron.

Arlecchino. Cara siora Corallina, se tanto de bon cor, sè tanto generosa, ve doveressi manriar.

Corallina. Oh, no me parlè de maridarme. Vôi goder la mia libertà. Xe morto missier pare, e madonna mare; sior Pantalon se contenta de mi, mi me contento de lu. Stago ben, no me manca gnente. Per adesso no me vôi maridar.

Arlecchino. No ve volì mandar?

Corallina. Mi no, vedè.

Arlecchino. No certo?

Corallina. No seguro.

Arlecchino. Alla vostra salute. (beve)

Corallina. E viva, compare chiomba1.

SCENA li.
Ottavio in spolverina e cappello grande di paglia, mule e bastone lungo da campagna; e detti.

Ottavio. Cosa fai qui? (alterato, ad Arlecchino)

Arlecchino. La compatissa ... alla so salute. (beve)

Corallina. Bondì sustrissima.

Ottavio. Buon giorno. (a Corallina) Animo, levati di qui. (ad Arlecchino

  1. Chiombar «bever spesso, sbevazzare»: Boerio, Diz. cit.