Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/191


181


ATTO PRIMO.
SCENA PRIMA.
Camera.
Corallina ed Arlecchino seduto ad una tarvoletta, che mangia.


Corallina. Animo, animo, magnè e bevè, che ben pro ve fazza.

Arlecchino. Oh che onorata gastalda! Oh quanto che ve son obbligà! Cussì sti bocconzini la mattina per el fresco i me tocca el cuor.

Corallina. Magnè, che ve lo dago volentiera; la xe roba mia, la posso dar a chi voggio mi.

Arlecchino. Alla vostra salute. (ieve)

Corallina. Bon pro ve fazza.

Arlecchino. Oh caro! Oh che vin! Oh che balsamo! Alla vostra salute. (beve)

Corallina. Oe, el xe del meggio che sia in caneva. Ai mi amici voggio darghelo bon.

Arlecchino. Ah! vu sì fortunada che servì un patron ricco, ma mi servo un maledetto spiantà, povero e superbo.

Corallina. Diseme, caro vu, come ve trattelo sior Ottavio?

Arlecchino. El me dà tre piatanze ed zorno.

Corallina. Tre piatanze? No gh’è mal. Cossa xele mo ste tre piatanze?

Arlecchino. Polenta, acqua e bastonade.

Corallina. Oh che caro matto che sè! Oh cossa che me piasè!

Arlecchino. Alla vostra salute. (beve)

Corallina. Bon prò ve fazza; qua almanco, in casa del sior Pantalon, se magna da tutte le ore.

Arlecchino. Questa l’è la rabbia del me patron, che i altri magna e lu no.

Corallina. E pur el va qualche volta a magnar anca elo de qua e de là.

Arlecchino. Ah, se savessi perchè el ghe va!