Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/151


LA CASTALDA 141

Lelio. Io poi terminerò di convincerla, di conquistarla.

Beatrice. Trattenetevi un sol momento. (Corallina ha dello spirito. Seconderà la burla). (da sè, parte)

SCENA IV.
Lelio solo.

È un gran destino il mio! Che non abbia a passar un giorno senza che m’innamori! E talvolta più bellezze in un giorno successivamente m’incantano. Buon per me, che con egual facilità me ne scordo; per altro, fra tante fiamme, sarei andato in cenere cento volte.

SCENA V.
Beatrice, Corallina e detti.

Beatrice. Ecco qui la signora Rosaura, che vuol riverirvi e conoscervi.

Lelio. Conoscerà ella un adoratore della sua bellezza.

Corallina. (Son nell’impegno; bisogna starci). (da sè) Signore, la prego di non farmi arrossire.

Lelio. Quanto più arrossirete, tanto più somiglerete alla rosa, e tanto più vi starà bene di Rosaura il nome.

Beatrice. Il signor Lelio è mirabile nel ritrovare le allegorie dei nomi.

Lelio. Mi piacciono i Greci in questo. Tutti i loro nomi hanno qualche significato.

Beatrice. Il vostro ha significato veruno?

Lelio. Il mio vien da Lelex, re dei Lacedemoni, e poi il mio nome ed il mio cognome sono anagrammatici: Lelio Capretini: Il mio core a lei.

Beatrice. Non mi pare purissimo quest’anagramma.

Lelio. Vi saranno solamente tre o quattro lettere cambiate.

Corallina. Lei è un signor virtuoso, per quel ch’io sento.

Lelio. Ah, voi siete più virtuosa di me.