Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/428



lo dico perchè vi amo. E voi, che avete tanto sofferto per uno che viene di casa del diavolo, non volete tollerare ch’ io vi parli per zelo.

Beatrice. Cara Corallina, lasciami stare: son fuor di me.

Corallina. Vi compatisco, signora, le vostre inquietudini hanno il loro fondcunento.

Beatrice. Prepara la tavola, voglio desinare.

Corallina. Per quanti ho da prepararla?

Beatrice. Che domande!

Corallina. Ho da preparare per due?

Beatrice. Tu mi vorresti far dire... Vattene.

Corallina. Compatitemi, è vero: non son domande da farsi. Siete sola, e la preparerò per voi sola. Il signor Ottavio ha man- giato anche troppo in questa casa. (mostrando partire)

Beatrice. Dove vai?

Corallina. A preparare.

Beatrice. Per quanti?

Corallina. Per uno; siete sola.

Beatrice. E se viene Ottavio?

Corallina. Lo volete ancora alla vostra tavola?

Beatrice. Non voglio che egli dica, ch’ io l’ ho scacciato con una mala grazia. Lo licenzierò.

Corallina. Sì, signora, preparerò anche per lui. Dategli campo che vi dica dell’ altre insolenze. (andando)

Beatrice. Temerario ! Hai ragione ; se viene a picchiare, non gli aprire la porta.

Corallina. Volete che egli venga dentro per la finestra?

Beatrice. A far che ha da venire?

Corallina. A pranzo.

Beatrice. Ma se non lo voglio!

Corallina. Ah ! non lo volete ? Ho capito. (La testa della pa- drona fa le giravolte). (da sé, parte