Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/415


SCENA XI.

Camera di negozio in casa di Pantalone, con tavolino, scritture, libri ecc. Pantalone e Florindo.

Pantalone. Caro sior Florindo, mi no so cossa dir. Me despiase de no poderve consolar. Se ve nego mia fia, no lo fazzo per poca stima della vostra persona, ma credème, lo fazzo anca per vostro ben. Rosaura no la xe putta da mandar. La xe troppo semplice. Noi xe negozio per vu.

Florindo. Ma io, signore, son contentissimo di pigliarla così. Ho piacere che sia di temperamento modesto e quieto.

Pantalone. No, caro fio, no la xe solamente modesta, ma la xe gnocchetta. Per una casa no la xe bona ; ghe V ho dito anca a mio compare che me l’ha domandada in nome vo- stro, e l’istesso ve digo a vu, che no contento della risposta del mediator, vegnì in persona a domandarmela la segonda volta.

Florindo. Sono venuto io in persona, per dirvi che la prenderò in ogni forma.

Pantalone. Vu, compatime, gh’avè poco cervello; fio mio, a dir de sì se fa presto, e pò se se pente, co no ghe xe più re- medio. Se avessi da far con un pare de bon stomego, el ve la petterave(l) senza difficoltà: ma mi son galantomo, son un omo de onor, e non intendo de precipitar una casa.

Florindo. Ma, signore, mia moglie non averà da far niente in casa. Vi sono le serve, che fanno tutto.

Pantalone. Eh putto caro, co la parona no gh’ha giudizio, le serve non gh’ha cuor de tegnir una casa in pie. L’economia, la bona regola xe quella che mantien le fameggie. E pò, caro fio, i fioi che nasse, co i nasse da una mare allocchetta, se va a rischio che i butta sempiotti. Bisogna pensar a tutto.

Florindo. Dunque la signora Rosaura non la volete maritare?

Pantalone. Sior no, no la voi maridar. La voi andarse a retirar (I) « Pettar » attaccare, affiggere; e quindi accoccare, accollare: v. Boerio, Di- zion. cit. ee