Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/367


LE DONNE CURIOSE 353

Rosaura. Non ci sarei, s’ella non mi avesse dato l’esempio, (parte)

Eleonora. O in un modo, o nell’altro, purchè veda, sarò contenta. (parte)

Corallina. Caro Brighella, fateci veder tutto: non già per curiosità, ma così per divertimento. (parte)

SCENA XXVII.
Brighella solo.

Sta volta me togo un arbitrio, che no so come el me passerà; ma fazzo per far ben, e spero de far ben. Ste donne le son indiavolade; ognuna l’è capace de precipitar la casa, el marido, e tutti quei de sto logo. Se me riesse quel che m’è vegnù in tel pensier, spero che i mi padroni sarà contenti, le donne disingannade; e mi1 averò la gloria d’aver contribuido alla pase comun, al comun contento de tutti, e alla sussistenza de un logo, dove anca mi ghe cavo el mio profitto, e vivo da galantomo. Perchè al dì d’oggi, co se gh’ha un tocco de pan, bisogna sfadigarse, suar e strologar per mantegnirselo fin che se pol. (parte)

Fine dell’Atto Secondo.



  1. Pap. aggiunge: che son un povero servitor.