Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/356

342 ATTO SECONDO

Pantalone. No basta. In tutte le conversazion civili, tutti no xe galantomeni, e col tempo i se descoverze.

Leandro. È nato bene.

Pantalone. No xe la nascita, che fazza el galantomo, ma le bone azion.

Leandro. È uomo che spende generosamente.

Pantalone. Anca questa la xe una rason equivoca: bisogna veder se quel che el spende xe tutto soo.

Leandro. Io poi non so i di lui interessi.

Pantalone. Donca no ve podè impegnar che el sia galantomo.

Leandro. In questa maniera, signor Pantalone, avremo tutti in sospetto, e non praticheremo nessuno.

Pantalone. No, caro amigo, intendeme ben. No digo che abbiemo da sospettar de tutti senza rason, e che no abbiemo da praticar se no quelli che conossemo galantomeni con rason; anzi avemo debito de onestà de creder tutti da ben, se no gh’avessimo prove in contrario. Quelli però che più che tanto no se cognosse, i se pratica con qualche riserva; no se ghe crede tutto, i se prova, i se esamina con delicatezza, e se col tempo e coll’esperienza se trova un galantomo da senno, se pol dir con costanza de aver trova un bel tesoro.

Leandro. Io questo che vi propongo lo credo onoratissimo, ma non posso essere mallevadore di lui.

Pantalone. N’importa,1 lo proveremo: se el sarà oro, el luserà2.

SCENA XIV.
Brighella e detti.

Brighella. Èla ella, sior padron?

Pantalone. Sì, son mi. Tanto ti sta?

Brighella. Son pien de roba, che no me posso mover.

Pantalone. Astu tolto candele de cera?

Brighella. Sior no, non ho avù tempo.

  1. Pap. aggiunge: lo riceveremo.
  2. Pap. aggiunge: se el sarà piombo, el se desferà, se el sarà fango, ghe daremo una sfregolada, e ghe faremo cognosser che nol xe degno de nu.