Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/341


LE DONNE CURIOSE 327


ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA.
Camera in casa di Lelio, con tavolino su cui evvi il di lui vestito.
Eleonora sola.

Oh che bestia è quel mio marito! Con lui non si può parlare. Subito alza la voce1. Ma gridi, strepiti, faccia quanto sa e quanto vuole, mi ha da dire quel che si fa in quella casa, o me ne vado a star con mia madre. Mi dispiace che sul più bello è venuto il fattore! Non ho potuto dirgli l’animo mio; ma anderà via il fattore, e mi sfogherò. Frattanto, giacchè qui è il vestito che Lelio aveva attorno questa mattina, voglio

  1. Pap. aggiunge: e si diletta d’alzar le mani.