Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/339


LE DONNE CURIOSE 325

Florindo. Oh, abbiamo i nostri armadi, dove si ripone ogni cosa.

Corallina. Armadi grandi, di quelli dove si attaccano li vestiti?

Florindo. Sì di quelli; ma voi siete troppo curiosa.

Corallina. Io curiosa? Non ci penso nemmeno. Fo per poter dire sono stata. Dove cenano? Neil’ultima camera?

Florindo. Sì, nell’ultima. Addio. Non voglio che il signor Ottavio mi aspetti. (parte)

SCENA XI.
Corallina sola.

Vada pure, che per ora mi basta. Se posso buscar le chiavi al padrone, se posso introdurmi, nascondermi e non esser veduta, vedrò se cavano il tesoro, o se fanno qualche altra faccenda. Non vogliono donne! Bisogna che vi sia del male. Noi altre donne siamo il condimento delle conversazioni; e dove non possono entrar le donne, ho paura ... ho paura ... Basta, la cosa è strana, sono curiosa, e a costo di tutto, voglio cavarmi di dosso questa terribile curiosità. (parte)

Fine dell’Atto Primo.