Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/330


Arlecchino. Siora sì. (Sempre de sì, finché vivo), (da sé, e parte)

Eleonora. Vado subito anch’ io. Amiche, se saprò qualche altra cosa, verrò subito a confidarvela.

Beatrice. Ma quella del lapis non è poi vera.

Eleonora. Non è vera? Anzi verissima: dalla sarta vi era il fratello del garzone del muratore, e ha detto che il padrone di suo fratello è andato nel casino a fare dei fornelli, e poi hanno fatto una provvisione di tanti vetri ; e ha detto il com- pare della sarta, che coi fornelli e coi vetri si fa il lapis phi- losophorum. E la sarta è una donna che se ne intende ; e io, quando dico una cosa, non fallo mai. (parte)

Corallina. Credetemi, non sa quello che si dica. Coi fornelli si cucina anche da mangiare, e coi vetri si dà da bere. Lo zoppo mi ha detto che cavano una fossa, e ho sentito dire da tanti, che vicino a quella casa vi sia un tesoro, e senz’altro lo ca- vano ; e io, quando parlo, parlo con fondamento, e dico sempre la verità. (parte)

Beatrice. Io credo che non sappiano niente affatto.

Rosaura. Vogliono che sia tutto quello che si figurano.

Beatrice. Mi par di vederli con le carte in mano.

Rosaura. Ed io son tanto certa che fanno all’ amore, quanto son certa d’aver da morire. (parte

SCENA VIII.

Beatrice, poi Ottavio.

Beatrice. Anch’ ella è ostinata. Ma vedranno (’) che io sola l’ho indovinata. Ecco il giocatore vizioso.

Ottavio. Signora, fintanto ch’io faccio un certo conto, date gli ordini per la tavola. (siede al tavolirìo)

Beatrice. Volete fare il conto di quanto avete perduto?

Ottavio. Vi è Florindo a pranzo con noi ; fate qualche cosa di più.

Beatrice. Sì, sì, fate degli inviti? Avrete vinto. (I) Pap.: Ma resteranno tulle con tanto di naso, quando vedranno ecc.