Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/187


SCENA X.

Altra camera. Pantalone e Brighella.

Pantalone. No me parlar de mio fio, el xe un desgrazià.

Brighella. La me creda che l’è pentìdo.

Pantalone. No sarà vero. El finzerà, el xe un furbazzo.

Brighella. Cossa vorla de più? El se voleva mazzar.

Pantalone. El se voleva mazzar?

Brighella. Sior sì, mi l’ho trova con un ferro alla man...

Pantalone. Oh sangue mio ... Dove xelo ? ... (vuol partire)

Brighella. La se ferma : xe arriva madamigella Giannina, la gh’ha fatto buttar via el ferro, e no sarà altro. Ma ghe as- sicuro mi, che l’è pentido de cuor.

Pantalone. Oh, el cielo lo voggia. Caro Brighella, dove xelo ? Perchè no vienlo da so povero pare, che ghe voi tanto ben? Ma mi anderò a trovarlo ...

Brighella. La se ferma un momento, perchè gh’ è delle altre novità.

Pantalone. Cossa gh’è? Bone o cattive?

Brighella. Da basso in intrada ghe son sette o otto persone che aspetta. Gh’ è quei do giovani de stamattina colle lettere de cambio ; gh’ è el medego dei do mille ducati ...

Pantalone. Anca colù ? Gh’ ho pur dito che el vegna doman.

Brighella. L’ averà inteso qualche mormorazion in piazza, e l’ha anticipa. Gh’ è dell’ altra zente. Certi musi duri che no co- nosso ; no so cossa dir : ho paura de qualche desgrazià.

Pantalone. Che ghe sia zaffi?

Brighella. No crederia.

Pantalone. Qualche fante?

Brighella. Poi esser. Tegno serrada la porta della scaletta, e digo a tutti che l’è a disnar.

Pantalone. In casa mia no s’ ha più sentìo de ste cosse.

Brighella. Ma cossa ha dito monsù Rainmur.

Pantalone. Semo stai in mezza; gh’ho mostra i conti, gh’ho n