Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/179



me dovesse mantegnir la parola ; e se qualcun de casa mia v’ ha offeso, gh’ ave ben rason de pretender soddisfazion, ma no ve poderessi esimer per questo da quella fede che tra i mar- canti se osserva, quando uno ali’ altro promette. No credè però che vegna per rimproverarve de una mancanza, ne per obbli- garve a mantegnir la parola. I diese mille ducati, che m’ ave promesso fidarme al sie per cento, ve li ho domandai in una maniera ganzante, senza mostrar de averghene gran bisogno, e voggio creder, che no pensando che una tal mancanza me possa pregiudicar, abbiè sorà in una materia dell’ ultima deli- catezza. Caro amigo, ve parlo adesso con un altro linguazo, ve mostro le mie piaghe, ve averzo el cuor, e me butto in ti vostri brazzi. Dei diese mille ducati ghe n’ho bisogno: tre lettere de cambio, che scade in ancuo, mette in pericolo la mia fede, el mio credito, Y esser mio ; e vu solo me podè agiu- tar. Sì, vu me podè agiutar, senza vostro pericolo e senza paura de perderli, anzi con tutta la sicurezza de recuperar in manco de un anno el prò e el capital. Vedere el mio bilanzo. Gh’ ho dei crediti boni, gh’ ho dei capi vivi in negozio. Son piuttosto soran, ma savè che no se fallisse tante volte per tro- varse al de sotto, ma per causa de un creditor indiscreto, che senza carità e senza legge, volendo i bezzi sul momento che el li domanda, precipita un omo d’ onor. Mi son in sto caso ; ve esebisso i mi libri, el mio negozio, le chiave dei mi ma- gazzeni, e ve domando sti diese mille ducati per salvezza della mia povera casa, per la reputazion del mio povero nome. Caro monsù Rainmur, mio fio, quel desgrazià de mio fio, v’ ha de- sgustà, v’ ha offeso, e se podesse scancellar col mio sangue le vostre offese, ghe n’ ho poco, ma tutto ve lo daria per mo- verve a compassion. Un fio traditor, dopo averme consuma tanto, dopo averme squasi precipita, me priverà anca de quel- r unico amigo, che me restava per conforto delle mie estreme necessità? L’averia scanna colle mie man, se dopo i flagelli de sta vita, no me spaventasse quelli dell’ altra. Ma caro amigo, separé el padre dal fio. Odiè chi merita ; amè chi ve ama. Las-