Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/169


159

SCENA XV.
Pantalone dalla medesima parte dove è entrato.

Pantalone. Furbazzo, te chiapperò. El s’ha serrà in camera. Cossa xe stà, Brighella?

Brighella. No so gnente. Strepiti grandi. Monsù vuol andar via de sta casa.

Pantalone. Mo per cossa?

Brighella. Per causa de so fio.

Pantalone. Oh poveretto mi! Monsù Rainmur dove xelo?

Brighella. Presto, la ghe parla.

Pantalone. Dove xelo?

Brighella. El sarà in camera. Andemo, no la perda tempo.

Pantalone. Sì, andemo.... Ma prima vôi parlar co mio fio. Vôi sentir cossa xe stà; avanti de presentarme a monsù Rainmur, vôi saver come che m’ho da contegnir.

Brighella. Ma se sior Pantaloncin s’ha serrà.

Pantalone. Va là ti, falò averzer. Fidelo; dighe che ghe parlerò con amor.

Brighella. Farò quel che posso. In verità, sior padron, che gh’ho el cuor ingroppà. (via)

Pantalone. Ah fio indegno! Ah fio desgrazià! Poveri pari! Poveri pari! Chi se augura fioli, se specchia in mi. Chi li gh’ha boni, ringrazia el cielo, e chi li gh’ha cattivi, i pol dir d’aver un travaggio, che supera tutti i travaggi del mondo.

Fine dell’Atto Secondo.