Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/169


SCENA XV.

Pantalone dalla medesima parte dove è entrato.

Pantalone. Furbazzo, te chiapperò. El s’ha serra in camera. Cossa xe sta, Brighella ?

Brighella. No so gnente. Strepiti grandi. Monsù vuol andar via de sta casa.

Pantalone. Mo per cossa?

Brighella. Per càusa de so fio.

Pantalone. Oh poveretto mi ! Monsù Rainmur dove xelo ?

Brighella. Presto, la ghe parla.

Pantalone. Dove xelo?

Brighella. El sarà in camera. Andemo, no la perda tempo.

Pantalone. Sì, andemo Ma prima voi parlar co mio fio. Voi sentir cossa xe sta ; avanti de presentarme a monsù Rain- mur, voi saver come che m’ ho da contegnir.

Brighella. Ma se sior Pantaloncin s’ha serra.

Pantalone. Va là ti, falò averzer. Fidelo ; dighe che ghe par- lerò con amor.

Brighella. Farò quel che posso. In verità, sior padron, che gh’ho el cuor ingroppa. (via)

Pantalone. Ah fio indegno ! Ah fio desgrazià ! Poveri pari ! Poveri pari ! Chi se augura fioli, se specchia in mi. Chi li gh’ ha boni, ringrazia el cielo, e chi li gh’ha cattivi, i poi dir d’aver un travaggio, che supera tutti i travaggi del mondo. Fine dell’Atto Secondo.