Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/168


Pantaloncino. Paressi meggio andar via de sta casa. RaINMUR. Sarete servito. (dolce, e con grazia)

Pantaloncino. E me maraweggio dei fatti vostri. (forte Rainmur. Non alzate la voce.

SCENA XIII.

Brighella e detti.

Brighella. Coss’ è sta cossa ?

Pantaloncino. Coi galantomeni no se tratta cussi.

Brighella. Com’ èia ? Signor, el sior Pantalon l’ è qua che el ghe voi parlar. (a Rainmur Rainmur. Ditegli che or ora io e mia nipote se ne anderemo di casa sua.

Brighella. Mo perchè, signor? Rainmur. Perchè suo figlio è un pazzo. (eia)

Pantaloncino. A mi matto ? Sangue de diana (\>uol seguirlo)

Brighella. La se ferma. Cossa è sta.

Pantaloncino. Sior foresto della favetta (0)

Brighella. La se ferma, l’ è qua so sior padre.

Pantaloncino. Strapazzarme ? Lo voi mazzar.

Brighella. Sior padron, la vegna. La veda so fio ... (alla scena)

Pantaloncino. Vien mio pare ; xe meggio che vaga via, ma Io troverò colìi, lo troverò. (via correndo

SCENA XIV.

Pantalone gli corre dietro sin dentro la scena.

Brighella. La se ferma, la senta, (dietro a Pantalone) Sto putto voi esser el so precipizio. (1) Voi. II. p. 420.