Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/168

158

Pantaloncino. Faressi meggio andar via de sta casa.

Rainmur. Sarete servito. (dolce, e con grazia)

Pantaloncino. E me maravveggio dei fatti vostri. (forte)

Rainmur. Non alzate la voce.

SCENA XIII.
Brighella e detti.

Brighella. Coss’è sta cossa?

Pantaloncino. Coi galantomeni no se tratta cussì.

Brighella. Com’èla? Signor, el sior Pantalon l’è qua che el ghe vol parlar. (a Rainmur)

Rainmur. Ditegli che or ora io e mia nipote se ne anderemo di casa sua.

Brighella. Mo perchè, signor?

Rainmur. Perchè suo figlio è un pazzo. (eia)

Pantaloncino. A mi matto? Sangue de diana (vuol seguirlo)

Brighella. La se ferma. Cossa è stà.

Pantaloncino. Sior foresto della favetta1....

Brighella. La se ferma, l’è qua so sior padre.

Pantaloncino. Strapazzarme? Lo vôi mazzar.

Brighella. Sior padron, la vegna. La veda so fio ... (alla scena)

Pantaloncino. Vien mio pare; xe meggio che vaga via, ma lo troverò colù, lo troverò. (via correndo)

SCENA XIV.
Pantalone gli corre dietro sin dentro la scena.

Brighella. La se ferma, la senta. (dietro a Pantalone) Sto putto vol esser el so precipizio.

  1. Vol. II. p. 420.