Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/155


Pantalone. Coss’ èlo sto affai de premura ? Voi saverlo anca mi.

Corallina. Perdonatemi, signore, della roba mia non sono ob- bligata render conto a nessuno.

Pantalone. E mi no ve voi dar gnente, se no so dove che li volè impiegar. Son vostro patron, vu se sola, no gh’ ave pa- renti, no voi che li dezzipè, no voi che ve li fé magnar da qualcun.

Corallina. Vi dirò, signore, mi è venuta occasione di maritarmi.

Brighella. Sior padron, el tempo passa.

Pantalone. Vago. Chi xelo el no vizzo?

Corallina. Arlecchino.

Pantalone. Ben, parlerò con Arlecchin, e fé conto d’averli avui.

Corallina. Signore, non faremo niente.

Pantalone. Mo per cossa?

Corallina. Non faremo niente, se non mi date il dieci per cento.

Pantalone. El diese per cento ! Con chi credeu d’aver da far ? Chi v’ ha messo in testa ste bestialità ?

Corallina. Ho trovato chi me lo dà.

Pantalone. Chi èlo sto desperà, che vo voi dar el diese per cento ?

Corallina. Non posso dirlo, signore.

Brighella. Che lo dirò mi, sior padron. L’ è el sior Pantaloncin, so degnissimo fio.

Pantalone. Mio fio?

Brighella. Sior sì, e za tempo la ghe n’ha dà altri cento e cin- quanta al medesimo prezzo.

Pantalone. Oh poveretto mi!

Corallina. Come diavolo lo avete saputo? (a Brighella)

Pantalone. Tocco de desgraziada ! Ti va a dar bezzi a mio fio? Anca ti per avarizia ti agiuti la barca a precipitario? Ma senti, sta volta el mal casca sora de ti ; i bezzi ti li ha persi, el te li ha magnai, matta, stramba, senza giudizio, to danno : maledetto interesse ! El chiappa tutti, e mi poverazzo, mi me tocca sentir le stoccae, soffrir la vergogna. Ah fio desgrazià ! Maledetto zogo ! El zogo me l’ha ruvinà. Sto zogo i lo gh’ha /