Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/154

144

Brighella. El ghe fa pietà? L’è l’omo più finto che sia a sto mondo.

Pantalone. Perchè distu che l’è finto?

Brighella. No sèntela? L’è medico, e el ghe augura bona salute.

Pantalone. Caro ti, el me augura vita e salute, acciò che no mora avanti de pagarlo.

Brighella. E la se vol tirar adosso st’altro debito?

Pantalone. Cossa vustu far? O salvar tutto, o perder tutto: e se me salvo mi, voggio salvar el mio sangue.

Brighella. E pò?...

SCENA VIII.
Corallina in zendale e detti.

Corallina. Oh signor padrone ...

Pantalone. Cossa feu a st’ora, fora de casa?

Corallina. Venivo in cerca di lei.

Pantalone. Dove?

Corallina. A Rialto.

Pantalone. Gh’è qualche novità?

Corallina. Ho premura di dirgli una cosa.

Pantalone. Per parte de chi?

Corallina. Per parte mia.

Pantalone. E no podè aspettar de parlarme a casa?

Corallina. Avevo piacere di ritrovarvi a Rialto.

Pantalone. Cossa vorressi da mi a Rialto?

Corallina. So che fate lì tutti i vostri pagamenti.

Pantalone. E per questo?

Corallina. Vorrei che mi restituiste i miei cento e cinquanta ducati.

Pantalone. Perchè rason? No ve pago el vostro pro pontual?

Corallina. Sì signore, ma ho da servirmene per un affar di premura.

Brighella. (Stè a veder, che anca questi ghe li magna Pantaloncin). (da sè)