Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/149



pur un omo pontual, che fa conto della so parola quanto della so vita. Cossa dirà el povero mio padron? El pianzeva dal- l’allegrezza, contandome come una providenza del cielo l’esibizion de sto galantomo ; e adesso, se ghe porto sta risposta, cossa diralo ? L’ è veramente desfortunà. Tutte le cosse va mal per elo, e ho paura senz’ altro ...

SCENA VI.

Pantalone e Brighella.

Pantalone. Coss’ è. Brighella, no ti vien mai? L’astu trova l’Olan- dese?

Brighella. L’ho trova.

Pantalone. Cossa diselo ? Dove xelo ? Vienlo a Rialto ?

Brighella. Giusto ; za un tantin l’ era qua, e l’è torna a casa.

Pantalone. Ma no ti gh’ ha dito, che lo aspetto con ansietà ?

Brighella. Ghe l’ ho dito, el m’ ha resposo ...

Pantalone. Coss’ è? Noi voi altro? S’alo pentìo?

Brighella. El m’ha dito cussi che V. S. vada a casa subito, che el l’aspetta.

Pantalone. Mo a cossa far a casa ? I bezzi l’ ha dito de zirar- meli in banco. Stè a veder che el s’ ha pentìo. Brighella, se sta cossa xe vera, mi son un omo precipita.

Brighella. La vada a casa a sentir cossa el dise.

Pantalone. Mo se a Rialto i m’aspetta. I creditori xe là colle lettere in man. I mi nemici i sta con tanto de occhi. I zoveni averà dito che vago ; se no i me vede, i dise che son fallio.

Brighella. Caro signor, no ghe poi esser soprazonto qualche ac- cidente, che gh’impedissa poder andar?

Pantalone. Bisognerave avvisarli.

Brighella. Anderò mi. Troveremo un pretesto.

Pantalone. Eh caro Brighella, sto nostro mistier el xe delicato assae. Quel che ne tien in pie, xe la fede, el credito, l’opi- nion. Tanti e tanti gh’ ha più debiti de mi, gh’ ha manco capitali de mi, e tutti ghe crede, e tutti ghe corre drio, per-