Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/148


Pantaloncino. Ande là, che se un gran tangaro. RaINMUR. (Lo guarda bruscamente.)

Pantaloncino. Cossa me vardeu? Credeu de farme paura? RaINMUR. (Lo guarda come sopra.)

Pantaloncino. Vardè qua sto sior foresto, el vien a magnarme le coste, e no se poi aver un servizio. RaINMUR. (Smanìa per la scena, movendo il bastone.)

Pantaloncino. Coss’ è, sior, me faressi qualche bulada ? Son omo capace de darve sodisfazion; e imparè a trattar coi omeni della mia sorte. E co un galémtomo ve domanda dusento ducati in prestio, no se ghe dise de no. Monsù, votre servitor in tei stomego. (via Rainmur. Gioventù scorretta, mal educata, ignorante.

SCENA V.

Brighella e monsiem Rainmur.

Brighella. Signor, el padron l’è a Rialto che el l’aspetta. El me mandava a casa pregandola de lassarse veder da lu, che ghe preme assae. Rainmur. (Rimproveri ! temerità ! impertinenze !) (da sé)

Brighella. L’ è in bottega da quel dal caffè, sala ? In t’un came- rin serra. Noi se voi lassar veder, se no la va eia a consolarlo. Rainmur. (Il figlio fa disonore al padre, e il padre si rovinerà per il figlio). (da sé)

Brighella. El l’aspetta... Rainmur. Ho inteso. (Dieci mille ducati son mal sicuri), (da sé)

Brighella. E al Banco del ziro el mio padron l’ è aspetta ; e se tratta de dir ... Rainmur. Di’ al tuo padrone che tomi a casa, che io l’aspetto.

Brighella. Ma signor ... Rainmur. M’ hai capito. (Aiutar, va bene. Gettar, va male. Ri- schio, pazienza ; ma precipizio, mai). (da sé, via)

Brighella. Coss’ è sta novità ? Elo fursi pentio de zirar al sior Pantalon i diese mille ducati che el gh’ ha promesso ? L’ è