Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/131


Se tratta del mio stato, della mia reputazion. Sto bilanzo, che presto presto ho volesto far da mia posta sui conti che tegno in camera, me fa scoverto de diese mille ducati. Finalmente no la xe una gran summa ; ma ciò non ostante, se ancuo no pago ste lettere, le va in protesto, me manca el credito, e per una freddura de gnente me convien fallir. Bisogna remediarghe, se se poi. Ecco qua l’ Olandese. Lu me poi agiutar ; ma el xe un omo delicato, e no so come contegnirme.

SCENA X.

Monsìeur Rainmur vestito all’ Olandese mercantile, con abito so- glio (1) imhottonato, parruccone e cappello in testa, bastone, e senza spada; e PANTALONE. Rainmur. Buon giorno, monsieur Pantalone.

Pantalone. Bon zorno, monsù Rainmur. Perchè col cappello e col baston? Rainmur. Andavo fuori di casa.

Pantalone. Cussi a bonora? A cossa far? Rainmur. A fumar una pipa col capitano Corbrech.

Pantalone. No volè prima bever el tè? Rainmur. Sì, beviamo il tè.

Pantalone. Oe. Chi è de là?

SCENA XI.

Giovine e detti.

Giovine. Signore.

Pantalone. Diseghe che i porta el tè.

Giovine. Il medico, signore, è andato via.

Pantalone. Bon viazzo. Che i porta el tè.

Giovine. Sarà servita. (via (I) Vestir solio, vestire alla buona, con semplicità: Boerio, Dizion. cit.