Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/130

120

SCENA VIII.
Brighella e Arlecchino.

Brighella. Paesan, ho vist che ti parlavi con Corallina; val avanti sto matrimonio?

Arlecchino. El matrimoni no va avanti, per amor della dota.

Brighella. Com’ela della dota? Mi no te capisso.

Arlecchino. Te dirò in confidenza; ma no dir gnente a nissun.

Brighella. Oh, no gh’è pericolo.

Arlecchino. Corallina l’ha dà dei denari a sior Pantaloncin; el ghe paga el diese per cento, e va el capital sora el pro della dota.

Brighella. (Ho inteso, i sta freschi). (da sè) E no seguirà sto matrimonio, se el sior Pantaloncin no ghe dà sti denari.

Arlecchino. Ti vedi ben, l’è la dota.

Brighella. Amigo, te auguro bona fortuna.

Arlecchino. Obbligado, paesan, semo tutti in casa, staremo allegramente. Caro ti, te prego, de quel che t’ho dito no dir gnente a nissun.

Brighella. No parlo, no te dubitar.

Arlecchino. L’è una gran bella cossa la segretezza. (via)

Brighella. Vagh a dirlo a sior Pantalon. (via)

SCENA IX.
Altra camera in casa di Pantalone.
Pantalone ed un Giovine.

Pantalone. Diseghe a monsieur Rainmur, se el vol favorir de vegnir a bever el tè con mi. E po vardè in mezza se ghe xe più quel miedego: sappiemelo dir; e se el ghe xe, diseghe che el compatissa: o che l’aspetta ancora un poco, o che el torna dopo disnar.

Giovine. Sarà servita. (via)

Pantalone. Mai più me son trovà in tanti intrighi, come sta volta.