Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/130


SCENA VIII.

Brighella e Arlecchino.

Brighella. Paesan, ho vist che ti parlavi con Corallina ; vai avanti sto matrimonio?

Arlecchino. E1 matrimoni no va avanti, per amor della dota.

Brighella. Com’ela della dota? Mi no te capisso.

Arlecchino. Te dirò in confidenza ; ma no dir gnente a nissun.

Brighella. Oh, no gh’è pericolo.

Arlecchino. Corallina l’ ha dà dei denari a sior Pantaloncin ; el ghe paga el diese per cento, e va el capital sora el prò della dota.

Brighella. (Ho inteso, i sta freschi), (da se) E no seguirà sto ma- trimonio, se el sior Pantaloncin no ghe dà sti denari.

Arlecchino. Ti vedi ben, l’è la dota.

Brighella. Amigo, te auguro bona fortuna.

Arlecchino. Obbligado, paesan, semo tutti in casa, staremo allegra- mente. Caro ti, te prego, de quel che t’ ho dito no dir gnente a nissun.

Brighella. No parlo, no te dubitar.

Arlecchino. L’ è una gran bella cossa la segretezza. (via)

Brighella. Vagh a dirlo a sior Pantalon. (via

SCENA IX.

Altra camera in casa di Pantalone. Pantalone ed un Giovine.

Pantalone. Diseghe a monsieur Rainmur, se el voi favorir de vegnir a bever el tè con mi. E pò vardè in mezza se ghe xe più quel miedego: sappiemelo dir; e se el ghe xe, diseghe che el compatissa : o che l’ aspetta ancora un poco, o che el torna dopo disnar.

Giovine. Sarà servita. (via)

Pantalone. Mai più me son trova in tanti intrighi, come sta volta.