Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/120

110


gistro, copia lettere. No ghe fazzo miga veder ste cosse per voler i so bezzi; no ghe n’ho bisogno, e no ghe ne so cossa far. Fazzo per giustificar quel che ho dito, e per farghe veder che son un omo, e che no son un puttelo. Siben che patisse le buganze, no son un puttelo.

Dottore. Signore, vi prego, non vi riscaldate. Ho piacere di essere illuminato, e conoscere in voi un mercante onorato indipendente dal padre. Anzi, se mai ...

Pantaloncino. No me parilè de bezzi, che no ghe ne voggio.

Lelio. (Non ve li lasciate scappare). (piano a Pantaloncino)

Pantaloncino. (Lasseme far el mestier, come che el va fatto). (a Lelio)

Dottore. Mi dispiace che il signor Pantalone non viene, ed io ho una visita che mi preme.

Pantaloncino. Quanto ghe volevelo dar mio pare de pro de quei bezzi?

Dottore. Il sei per cento.

Pantaloncino. Poverazzo! Lo compatisso. Col trova i gonzi, el li chiappa. No digo per dir mal de mio pare, ma tutti sti marcanti vecchi i fa cussi, i sta su l’antigo. Tanto i vol pagar de pro sui bezzi che i tol ancuo, che le marcanzie se vende de più, quanto i pagava za trenta o quarant’anni, che le marcanzie se vendeva de manco.

Dottore. Oggi potrebbero dare qualche cosa di più.

Pantaloncino. Mi, quando m’ha premesto, per far qualche bon negozio, ho pagà fina l’otto per cento.

Lelio. E anche il dieci.

Pantaloncino. No, no, vecchio. No son mai stà in sto caso. Fina l’otto sì ben; ma el diese mai.

Dottore. Dunque V. S. non avrebbe difficoltà di pagare l’otto per cento.

Pantaloncino. Se ghe n’avesse bisogno; ma no ghe n’ho bisogno.

Lelio. Ma i denari alli mercanti profittano sempre il doppio.

Pantaloncino. Se gh’ho el scrigno pien, che no ghe ne so cossa far.