Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/118


Pantaloncino. I troveremo senz’ altro. Me despiase che no ghe xe el cassier. Chi diavolo xe colìi? (a Lelio)

Lelio. Quegli è un medico. Lo conosco.

Pantaloncino. Strissima. (al Dottore)

Dottore. Servitor suo.

Pantaloncino. La diga, cara eia, gh’ ala nissun remedio per le buganze (’)?

Dottore. Perchè no? Se diceste davvero, ho un segreto mirabile.

Pantaloncino. Oe. Sentì che boccon de omo ! El gh’ ha el se- creto per le buganze 1

Lelio. Caro amico Pantaloncino, non si perdiamo in barzellette. Pensate a trovare i trenta zecchini, che vi vogliono per T abito che avete promesso alla virtuosa.

Pantaloncino. Se gh’ avesse le chiave del scrigno, li troverave subito. Aspettemo che vegna el cassier.

Lelio. Se vien vostro padre?

Pantaloncino. Fin che son qua mi, mio pare no vegnirà.

Lelio. Siete disgustati?

Pantaloncino. No semo desgustai ; ma se andemo schivando.

Lelio. Basta, pensate a mantenere la vostra parola.

Pantaloncino. Son curioso de saver cossa fa quel martuffo stra- vacca (2) su quel taolin.

Dottore. (Vorrei che venisse il signor Pantalone). (da sé)

Pantaloncino. La diga, patron, comandela gnente?

Dottore. Sto aspettando il suo signor padre.

Pantaloncino. Se la comanda qualcossa dal negozio, posso ser- virla anca mi.

Dottore. L’interesse per cui son qui, ho da trattarlo col principale.

Pantaloncino. E mi cossa songio? No son principal tanto quanto che xe mio pare? No la sa che in piazza Pantaloncin Biso- gnosi xe ditta cantante, e fazzo i primi negozi de sto paese? Se la xe qua per affari de negozio, ho da saverlo anca mi.

Dottore. Vi dirò, signore, ho qui questi due mille ducati da in- vestire, e trattavo di farlo col signor vostro padre. (I) Geloni : v. Boerio, Dizion. del dialetto venez. (2) Sdraiato: v. vol. Il, p. 595.