Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/115



e son resta scoverto ; ma se no avesse fatto cussi, no gh’ avena più cenere sul fogher.

Brighella. L’ è qua in portego el sior Dottor. L’ è vegnìi a of- ferirglieli a eia, la lo ascolta, la senta ; se el ghe li volesse dar al sie per cento, e se la poi, la se profitta in occasion che la ghe n’ha tanto bisogno.

Pantalone. Brighella caro, a tor sti bezzi gh’ ho le mie difficoltà. Se per mia disgrazia i creditori me strenzesse i panni adosso, e domattina m’ avesse da retirar, sto povero galantomo che ancuo me dà i so bezzi, doman el li avena persi, e mi l’ave- rave tradio, e el mio fallimento sarave criminal, e mi oltre i bezzi perderia anca la reputazion. Fallir per disgrazia merita compatimento da tutti. Fallir con malizia xe un delitto da sas- sini da strada.

Brighella. Donca no la lo voi ascoltar?

Pantalone. Felo vegnir. Ghe parlerò. Se el se contenterà del- l’ onesto, pregherò monsieur Rainmur che li toga elo per mi. Così el miedego no li perderà, e mi me ne servirò, se vederò che i possa agiutarme a star saldo, con speranza de remet- terme e de remediar.

Brighella. Ma come mai un omo de tanta onestà e de tanta prudenza s’ ha ridotto in stato de dover fallir !

Pantalone. Desgrazie sora desgrazie. Fallimenti de corrispondenti, perdita de roba in mar ; e pò mio fio, quel desgrazià de mio fio, senza amor, senza fede, senza carità.

Brighella. Povero el me padron, l’ è degno veramente de com- passion.

Pantalone. Tremo co penso che ho da parlar de ste cosse a monsieur Rainmur. L’ omo più onorato del mondo, el più bon Olandese che abbia mai pratica. Omo schietto, de un ottimo cuor. Ho paura che el se scandolizza de mi, che el me perda la stima, e che el me abbandona. Anderò con delicatezza, e se vederò che el scantina, me regolerò con prudenza.