Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/114

104


scade ancuo, che stamattina li vedere a Rialto; che i m’aspetta al Banco del ziro, che ghe li zirerò, o ghe li pagherò in contante, come che i vol.

Brighella. Sì signor, e ghe dirò che i diga, che monede i desidera, ongari, zecchini, doppie, quel che i vol. Questa l’è la regola che se pratica in ste occasion. Co s’è in pericolo de fallir, se se sostien a forza de chiacchere, grandezze, spampanade, imposture, e se no crede un, crede l’altro, e se tira avanti fin che se pol. (via)

Pantalone. Mi no son de sto cuor. Son sta sempre un omo onorato, e sarò tal fin che viverò. Gh’ho dei debiti assae, ma gh’ho crediti e dei capitali. Se le cosse anderà mal, cederò tutto, resterò in camisa, ma no son capace de imposturar.

SCENA III.
Brighella e Pantalone.

Brighella. I è andadi via.

Pantalone. Cossa ali dito?

Brighella. Che i l’aspetterà al Banco del ziro.

Pantalone. Voggia el cielo, che ghe possa andar.

Brighella. Sior padron, spero che la sorte stamattina lo voggia consolar.

Pantalone. In che maniera?

Brighella. S’arrecordela che gieri gh’ho parla de quel medico che gh’aveva do mille ducati da investir, ma che el voleva el sette per cento?

Pantalone. Sì ben, me l’arecordo, e m’arecordo anca che v’ho dito, che el sette per cento nol se pol far. Fina el sie alla mercantil se lassa correr, ma el sette no se pol.

Brighella. Eh caro sior padron, co se gh’ha bisogno, se paga anche l’otto, anche el diese.

Pantalone. E cussì se va in malora più presto, e cussì ha fatto mio fio, e mi, per liberarlo da sti aggravi, ho pagà in contanti