Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/113


103


gh’ho dà credito, gh’ho dà bezzi da negoziar: l’ha fatto cento spropositi, e per coverzerlo elo, ho dovesto descoverzerme mi.

Brighella. Mo cara ela, perchè metterghe cussì presto intorno sto abito mercantil?

Pantalone. Sperava che vedendose in mezzo a tanti onorati marcanti, impegnà in negozi, in traffeghi, con lettere, con affari, el se sodasse, el tendesse al serio, el lassasse le male pratiche e el se mettesse al ponto de far onor alla casa e a lu medesimo; ma ho fallà, confesso d’aver fallà. L’ha fatto pezo, el s’ha ruvinà elo e l’ha precipità el so povero pare.

Brighella. Qua bisogna pensar al remedio.

Pantalone. No so dove buttarme. Ho perso la carta del navegar.

Brighella. La perdoni, ala mai confidà gnente a monsù Rainmur, a sto onorato Olandese che xe allozà in casa soa?

Pantalone. Ve dirò, voleva dirghe qualcossa, ma per tre rason no l’ho fatto. Prima de tutto son debitor anca con lu, de sette o ottocento ducati; in secondo logo savè che madamosella Giannina, so nezza, gh’ha qualche inclinazion per mio fio, e ela gh’ha de dota sie mille lire sterline, che poco più, poco manco, sarà in circa quaranta mille ducati. Se me riussisse de far sto matrimonio, poderia sperar de remetterme in pie. Per questo me tegno in reputazion coll’amigo; ma se dago la sculazzada per terra, ho perso tutto, e no gh’ho più speranza de respirar.

Brighella. Donca per ste rason ...

Pantalone. Ghe ne xe un’altra. Monsù Rainmur gh’ha qualche inclinazion per Beatrice mia fia. A un omo ricco de quella sorte, poderia sperar de darghela senza dota. Ma se descoverzo con lu le mie piaghe, va tutto a monte, perdo el credito, e precipito le mie creature.

Brighella. El credito la lo perde, se in ancuo no la paga le lettere, e se scomenza a sequestrar i so effetti.

Pantalone. Pur troppo l’è la verità. Penso, repenso, e no so quala far.

Brighella. Quei zoveni aspetta. Cossa gh’oio da dir?

Pantalone. Se i xe vegnui per scuoder le lettere, diseghe che le