Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, IX.djvu/112


SCENA II.

Brighella e detti.

Brighella. Signor, ghe son do zoveni che ghe vorria parlar.

Pantalone. Chi xeli?

Brighella. Uno Tè el primo zovene del negozio Lanzman, e r altro el scodidor de monsìi Saitson.

Pantalone. (I sarà vegnui per scoder le lettere de cambio), (da se) V ali dito cossa che i voi ?

Brighella. A mi no i m’ ha dito gnente ; ma ho sentido che i parlava tra de lori ; e i diseva certe cosse ... (no vorave che sti zoveni ne sentisse).

Pantalone. Putti, andè a Rialto (a), andeve a far veder ; se qucJchedun domanda de mi, diseghe che adessadesso vegno. Se ghe xe zente che abbia da pagar, scuodè ; se ghe xe zente che abbia d’ aver, diseghe che co vegnirò mi, salderò tutti. Gh’ ho un piccolo affaretto, me destrigo e vegno.

Primo Giovine. (Ho paura che il nostro principale, in vece di venire a Rialto, voglia andare a Ferrara), (b) (via)

Secondo Giovine. (Eppure è un uomo di garbo; ma suo figlio r ha rovinato). (via)

Terzo Giovine. (Quanti padri per voler troppo bene ai figliuoli rovinano la famiglia). (via)

Pantalone. Disè suso mo, quel che volevi dir. (a Brighella)

Brighella. Ho sentì quei do zoveni parlar sotto ose e dir che i dubita del pagamento ; che la ditta Bisognosi è in pericolo, e che i ha ordine, no ricevendo el contante, de far sequestrar.

Pantalone. Ah Brighella, son rovina.

Brighella. Cospetto del diavolo ! Sento che se me giazza el san- gue a sentir ste cosse. Ma come mai ala fatto, caro sior padron ?

Pantalone. Causa quel desgrazià de mio fio. L’ ho messo in piazza, (a) Luogo in Venezia dove v ha la piazza dei mercanti ed il Banco del giro. (b) Per essere la piìt vicina alla Dominante in stato estero.