Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/568

558 ATTO PRIMO

Bettina. El vostro ben l’è pezo del mal che me fa mio mario.

Catte. Povera sporca.

Bettina. Povera senza giudizio.

Catte. Te vederò ancora andar a cercando.

Bettina. Piutosto anderò cercando, che far una cativa azion.

Catte. Ti è stada mata da puta, e ti xe mata maridada.

Bettina. Son stada una puta onorata, adesso vogio esser una bona mugier.

Catte. La zente dise che xe dificile.

Bettina. Lo dise la zente cativa, no la zente bona.

Catte. Orsù, son stufa de ti.

Bettina. E mi son agra de vu.

Catte. Fa a to modo, che ti viverà de più.

Bettina. Se no viverò de più, viverò megio.

Catte. Se ti vedi Pasqualin, saludelo da parte mia.

Bettina. Se no lo vedo, lo saludo col cuor.

Catte. Ti ti lo saludi col cuor, e alo te farà un prindese co siora Marchesa. (parte)

SCENA XXI.
Bettina sola.

Che i diga quel che i vol, no m’importa. Pasqualin se stuferà de far la vita ch’al fa; el tornerà a far giudizio; el se pentirà de tuto quel ch’al m’ha fato; e alora, pensando al ben che gh’ho voleste, a la fede che gh’ho conservà, el me chiaperà sempre più a ben voler, e el me darà tante consolazion, quanti baticuori ch’al m’ha fato provar. Rameto la mia causa al Cielo, a quelo racomando el mio Pasqualin, racomando el mio povero putelo, fruto inocente del nostro amor. El Cielo remadierà, el Cielo provederà. Chi sa confida in tel Cielo, no pol perir. (parte)

Fine dell’Atto Primo.