Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/566

556 ATTO PRIMO

Pantalone. No passa doman, che tutta Venezia lo sa.

Bettina. Me despiase, che tute le me dise: tiolè, vedeu? Ave volesto? Vostro dano. Pazienza! Tuto me toca a mi.

Pantalone. Voggio andar a veder, se trovo sto desgrazià; siben che l’è maridà, son ancora so pare, e troverò la maniera de castigarlo. Vardè chi l’avesse dito! Con quanta consolazion ho recevesto da donna Pasqua la niova, che in vece de Lelio, Pasqualin giera mio fio! M’ha parso d’aver vadagnà un tesoro. Giera tanto appassionà per i costumi indegni de Lelio, e giera tanto innamorà de quelli de Pasqualin, che senza cercar altre prove de quello che donna Pasqua m’ha dito, gh’ho credesto a occhi serai, parendome de vadagnar anca quando la m’avesse ingannà. Pur troppo per sta cossa son stà criticà; pur troppo xe sta dito che no ghe doveva creder cussi facilmente, che doveva cercar prove più chiare de la verità. E se donna Pasqua fusse più viva, vorave cercar ancuo quello che non ho cerca za do anni, co la speranza de poderme taccar a qualche anzin1, e liberarme anca da st’altro fio. Ma no, che siben che l’è deventà scavezzoa, la natura me parla in so favor, e piuttosto che perderlo cattivo, bramo recuperarlo bon. Bettina, abbiè pazienza. Cerchelo vu, che lo cercherò anca mi. Procureremo, vu co le lagreme de muggier, e mi con quelle de pare, de remetterlo in carizadab. No ve stufè de considerarlo per vostro mario, che mi no me stracherò d’arecordarme ch’el xe mio fio. Gh’ho el cuor ingroppà, no posso più. Niora, el Cielo ve benediga e ne daga pazenzia. (parte)

SCENA XX.
Bettina e Catte.

Bettina. Povero pare! El me fa pecà.

Catte. Povero pare? Povera mugier ti doveressi dir. Ma mi, se fusse in ti, la vorave far bela.

  1. Di mal costume, uomo rotto.
  2. Nella via dritta.
  1. Uncino.