Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/562

552 ATTO PRIMO

Pantalone. Ande là, che sè una gran bona muggier; peccà che gh’abbia un cattivo mario.

Bettina. Per mi el xe bon.

Pantalone. Co nol vien a dormir a casa, nol sarà troppo bon.

Bettina. (Le massere e le galine xe quele che insporca le case). (da sè)

Pantalone. Disè, fia mia, cossa fa el putelo?

Bettina. El sta ben. Se la lo vedesse, el vien tanto fato1.

Pantalone. Cara vu, lassemelo veder.

Bettina. Volentiera. L’ho infassà che xe poco. Momola.

SCENA XVIII.
Momola e detti.

Momola. Siora. (di dentro)

Bettina. Dormelo el putelo?

Momola. Siora no. (di dentro)

Bettina. Portelo qua che so nono lo vol veder.

Momola. Adesso siora, lo porto.

Bettina. El xe la più cara cossa del mondo. Co el sente a vegnir el papà, el sbate le man e i pie co fa un ometo; e co schieto che el dise papà.

Momola. Velo qua, sior nono, velo qua. (porta il bambino a Pantalone)

Pantalone. Vien qua, le mie vissere, vien qua, sangue mio. Vardè se no el me someggia tutto.

Bettina. Certo, el gh’ha tuti i so ochi.

Pantalone. (Fa carezze al bambino.)

Bettina. Baroncela, ti gh’ha dito de la schiaffa, ah? (a Momola)

Momola. Mi no gh’ho dito gnente, siora.

Bettina. Tasi, che ti me la pagherà.

Momola. No in veritae gnanca. Oe, mi gh’ho dito, sior Pantalon... (a Pantalone)

  1. «Grasso, rigoglioso»: Boerio.