Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/559


LA BUONA MOGLIE 549

SCENA XVII.
Camera in casa di Bettina.
Bettina, poi Pantalone.

Bettina. Oh povereta mi! Cossa mai xe sta cossa? Pasqualin no se vede. Che ghe sia sucesso qualche disgrazia? Se savesse dove andarlo a cercar, anderia. Xe do zorni ch’el me manca; do zorni xe che sto sassin me fa sgangolira. Mo che cuor gh’halo? Mo che coscienza gh’halo? Ma cossa mai xeli sti omeni, che i xe cussi baroni? I gh’ha del vin in caneva, e i vol andar a bever al magazen1. I gh’ha la mugier in casa, e no ghe basta. Ma Pasqualin che giera tanto bon, che nol gh’aveva un vizio a sto mondo, ch’el primo ano el me tratava come una rezina, adesso el gh’ha tuti i vizi, nol me vol più ben, noi ghe pensa più de mi; el me strapazza, el me dà, e gnanca nol vien a casa? (piange) Malignaze pratiche, malignazo ziogo, malignaza mi, co m’ho maridà. (parte2)

Pantalone. Oe, dove seu, siora niora? Seu qua? (didentro)

Bettina. Uh! sior Pantalon. (No vogio ch’el me veda a pianzer. No vogio ch’el sapia gnente de so fio). (si asciuga le lagrime) Son qua, son qua, sior missier. Che la resta servida.

Pantalone. Cossa feu, fia mia, steu ben?

Bettina. Benissimo, per grazia del cielo. E elo?

Pantalone. Cussi da vecchio. Cossa xe de mio fio?

Bettina. El xe andà fuora de casa za un poco.

Pantalone. Xelo sta a disnar a casa?

Bettina. Sior sì; no vorlo?

Pantalone. Vardè che male lengue! Me xe sta dito, che xe do zorni che nol vien a casa.

Bettina. Giusto! Do zorni che nol vien a casa? Cara ela, chi ghe l’ha dito?

  1. Avere angoscia e desiderio.
  1. Maga o magazen da vin, bettola dove si vende il vino al minuto: Boerio.
  2. Così in tutte le edizioni: Sav. tace. Correggi: partendo o vuol partire.