Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/558

548 ATTO PRIMO

SCENA XVI.
Pasqualino solo.

Certo che el xe un gran onor, ma el me costa un pocheto caro. La borsa xe molto calada, e fenidi questi, no ghe n’è altri. Ma cossa dirà Betina, che no la me vede? Poverazza! la pianzerà, e mi ho tanto cuor de tratar mal con una che me vol tanto ben? Squasi squasi malediria l’ora e el ponto che ho cognossù Lelio. Mi no saveva che cossa fusse nè ziogo, nè osteria, nè altri vizi, e lu me li ha insegnai; e lu m’ha fato chiapar gusto a la cativa vita che fazzo. Mi no pensava altro che a mia mugier e al mio putelo; obediva mio pare; tendeva ai mii interessi; no butava via un bezzo. Lelio xe sta causa che ho strapazzà e ho dà a mia mugier, e per causa de Lelio ho speso, ho spanto, e deboto ho consumà mille ducati, che gh’aveva da negoziar. Qua bisogna resolver de muar vita. Farò pase co mia mugier; domanderò perdonanza al mio povero vechio; tenderò al sodo; lasserò el zogo; lasserò le pratiche, tornerò quel che giera. Ma cossa dirà i mii camerada? Cossa dirà i amici? Tuti me burlerà; tuti dirà, varè quel gnoco de Pasqualin, el gh’ha paura de la mugier, e el gh’ha suggizion de so pare. Se no ziogo più, no me referò mai de quel che ho perso. Se no vago a l’ostaria, i dirà che vogio far el chietina. Se no vago più a le conversazion, i dirà che gh’ho ancora del barcariol. Vago vedendo che xe pur tropo vero quelo che me diseva un omo da ben: Sto mondo xe una scala; sul primo scalin ghe sta la vertù, su l’ultimo ghe sta el vizio. Per passar da la vertù al vizio, se va zo per la scala a tombolon; ma per tornar dal vizio a la vertù, bisogna far un scalin a la volta; se se straca, se fa fadiga, e poche volte se ghe pol arivar. (parte)

  1. Ipocrita, bacchettone.