Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/537


LA BUONA MOGLIE 527

Bettina. Ben! Anemo, andè a scaldar ste pezze.

Momola. Siora sì, subito. Vorla che lo desfassa mi?

Bettina. Siora no: vare che novitae.

Momola. L’ha dito siora Cate. (parte)

SCENA V.
Bettina e Catte.

Bettina. Sentiu? Basta dir una parola, le sta con tanto de recchie.

Catte. Ti me fa da rider.

Bettina. Oh sorela, le xe cosse da rider, che de le volte le fa da pianzer.

Catte. Cara ti, metilo zo sto putelo.

Bettina. S’el ghe volesse star in cuna.

Catte. Per un puoco el ghe starà.

Bettina. Caro el mio ben. Cara la mia colona, che te vôi tanto ben, le mie vissere. (lo rimette nella culla)

Catte. Donca to mari el fa pezo che mai!

Bettina. Oh se ti savessi, el zioga co fa un desperà. El s’ha ziogà deboto mile ducati, che gh’ha dà so pare da negoziar. Ogni tanto el va a la cassa a tior bezzi. L’altro zorno l’ha porta via el resto, e perchè mi no voleva, el m’ha dà una slepa; el xe andà via, xe do zorni che no lo vedo, che me sento schiopar el cuor. (piange)

Catte. Uh povera mata! Ti pianzi? Ch’el vaga in malora sto puoco de bon.

Bettina. Ti sa che gh’ho volesto tanto ben, che l’ho tiolto con tanto amor, che ghe n’ho passa tante, che co l’ho sposà son fin1 andada in acidente per la consolazion; e vederme senza de elo, me sento morir. (piange)

Catte. Cossa dise sior Pantalon?

Bettina. Cossa vustu ch’el diga? El xe desperà. Ti sa che Pasqualin no l’ha volesto star in casa de so pare, che l’ha volesto

  1. Perfino.