Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/533


LA BUONA MOGLIE 523

Momola. Mo se sempre la me cria.

Bettina. No t’importa andar da to mare, ah? No ti te recordi el ben che t’ho fato? Ti me vol impiantar, n’è vero1?

Momola. Mi no, siora parona; vogio star con ela, se la me vol.

Bettina. Via, anemo, va là, va a meter suso la panada per el putelo.

Momola. Vago, siora.

Bettina. A quel balcon no vogio che ti ghe vaghi.

Momola. Siora no, no gh’anderò più.

Bettina. E sora tuto, se ti vol star con mi, co i omeni no se parla.

Momola. No, siora?

Bettina. Siora no, siora, siora no. Mi, co giera puta, no parlava co nissun.

Momola. Avè pur parlà co sior Pasqualin.

Bettina. Sì ben, ho parlà con elo, co so stada in stato da maridarme; anca ti, co sarà el tempo, ti farà quel che fa le altre.

Momola. Ghe vol assae, siora?

Bettina. Via, che ti spuzzi ancora da late.

Momola. Da late?

Bettina. Via, pissota, va a meter su la panada.

Momola. (No vedo l’ora de vegnir granda. Me lo vol trovar anca mi, varè, un toco d’ometo). (da sè, e parte)

SCENA lII.
Bettina sola.

Vardè dove se cazza l’ira. Le pute del tempo d’adesso le nasse co la malizia in corpo. Ghe ne xe de quele, che le sa più de quel che so mi. Sento cosse, che me fa drezzar i cavei. Tuto causa le mare. No le gh’ha gnente de riguardo, co le parla coi so marii. Le se lassa sentir a dir de le brute parole. Le pute ascolta; la malizia opera e el diavolo laora. Mia mare no ha fato cussi, povereta. La m’ha arlevà anca massa2 ben, e se la

  1. Così, invece di nevvero.
  2. Troppo.