Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/532

522 ATTO PRIMO


sangue mio, te farò far la pappa, sa, caro. Momola. Momola. Anca sì che sta frasconazza xe sul balcon! Momola.

Momola. Siora. (di dentro)

Bettina. Vien qua; dove diavolo estu ficada?

Momola. Son qua, siora, cossa vorla? (esce)

Bettina. Tuto el zorno su quel malignazo balcon.

Momola. Son andada a chiamar el scuazer1.

Bettina. Sì ben, careta, el scuazer. Sastu cossa che t’ho da dir? Che se ti vol magnar el mio pan, vogio che ti staghi drento dei to balconi.

Momola. Cara siora parona, che mal fazzio a andar un poco al balcon?

Bettina. No vogio che ti fazzi comarezzoa co le visine. I fati mii no vogio che nissun li sapia.

Momola. Mi no parlo co nissun.

Bettina. Eh via, che lo so che ti xe una petegola. Ti conti tuto.

Momola. Cossa hogio dito, via, cossa hogio dito?

Bettina. Ti ghe xe andada a contar alla frutariola, che mio mario m’ha dà una slepab.

Momola. Oh! mi no gh’ho dito gnente. L’ha sentio ela el crior a star al balcon.

Bettina. Busiara! Se mi no gh’ho gnanca parlao. Co mio mario me dà, no alzo gnanca la osec.

Momola. Mi ghe digo che no gh’ho dito gnente; se la lo vol creder, che la lo creda, se no la lo vol creder, che la lassa star.

Bettina. Senti sa, frasca, te manderò da to mare.

Momola. E mi gh’anderò; cossa m’importa a mi?

Bettina. Tiolè su. Questo xe quel che s’avanza a far del ben a ste sporche. T’ho tiolta in casa, che ti gieri piena de vermenezzo 2. No ti gh’avevi camisa al cesto, e adesso che ti xe vestia e desfamada, ti parli cussi ah, frasconazza?

  1. A cicalare, a tener discorso di questa cosa e di quella.
  2. Schiaffo.
  3. Pidocchi e altre lordure.
  1. Quegli che porta via la spazzatura delle case di Venezia [nota originale]  1
    1. Sav. e Zatta: Scoazer.
  2. Voce.