Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/517


LA PUTTA ONORATA 507

Beatrice. A suo tempo saprete tutto. Su via, premiate la sua onestà. Datele la mano di sposo.

Pasqualino. Son qua, vissere mie, se ti me vol.

Bettina. Senza dota, come faremio? Sior Pantalon no me darà i dusento ducati.

Pasqualino. Sior Pantalon? Velo qua.

SCENA XXIX.
Pantalone e detti.

Pantalone. Vien qua, fio mio, lassa che te strucola e che te basa. (a Pasqualino)

Pasqualino. A mi, sior Pantalon?

Pantalone. Sì, dime pare, no me dir Pantalon. Donna Pasqua no xe to mare, la giera la to nena, e la t’ha baratà in cuna. Sì, che ti xe el mio caro fio. (lo abbraccia e lo va baciando)

Bettina. Un’altra desgrazia per mi. Pasqualin no xe più mio mario.

Pasqualino. Oimè! Xe grando el contento, che gh’ho trova un pare de sta sorte, ricco, civil e amoroso; ma sto mio contento vien amanza da un dolor che me dà la morte.

Pantalone. Per cossa, fio mio? Parleme con libertà.

Pasqualino. Savè quanto ben che mi vogio a la mia Betina; sperava de averla per mugier; ma adesso che son vostro fio...

Pantalone. Adesso che ti xe mio fio, ti l’ha da sposar subito immediatamente. Bettina merita tutto; no averave riguardo de sposarla mi, molto meggio ti la pol sposar ti; fin che ti gieri un povero putto, fio d’un barcariol, no la voleva precipitar; adesso son contento, te la dago, e mi medesimo unisso la to man co la soa. (si avvicina)

Pasqualino. Oh cara! Oh che contento! (toccandole la mano)