Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/516

506 ATTO TERZO


putazion, che gnanca dopo che gh’ho dà el segno, no la me voleva tocar la man, andar via, scambiar vita, precipitarse, perder l’onor?

Bettina. (Oimè, che dolor! Oimè, che tormento!) (da sè)

Pasqualino. Ah Betina traditora! Ah ladra, sassina del mio cuor!

Bettina. (Piange forte.)

Pasqualino. Olà, coss’è sto negozio? Zente in camera? Qua ghe xe qualche tradimento. Agiuto. Chi è qua? (trova Bettina) Una dona? Oh povereto mi! Creatura, chi seu? Che fusse l’anema de Betina? Ma el xe un corpo e no la xe un’anema. Me sento che no posso più. Almanco per carità parleme, diseme chi sè. No la me responde. Coss’è sto negozio? Vedo passar una luse per el buso de la chiave. Oe, zente, agiuto, averzime.

SCENA XXVKIII.
La marchesa (BEATRICE con lume, aprendo la porta, e detti.

Beatrice. Che e’è, Pasqualino? Cos’avete?

Pasqualino. In camera ghe xe zente.

Beatrice. E per questo?

Pasqualino. M’ha parso una dona.

Beatrice. E bene?

Pasqualino. Mo chi xela?

Beatrice. Guardatela.

Pasqualino. Ti ti xe, anema mia! (si getta ai piedi di Bettina)

Beatrice. (Or ora muoiono tutti due dalla consolazione), (da sè)

Pasqualino. Mo perchè no parlar?

Bettina. Perchè son una puta onorata.

Beatrice. Veramente ora conosco che siete tale. Non avrei mai creduto che in una giovane, e sposa, come voi siete, si desse tanto contegno.

Pasqualino. Come seu qua? Come via de casa?