Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/515


LA PUTTA ONORATA 505

Beatrice. Sì, per un poco. Fino che il Marchese va a letto.

Bettina. Oh povereta mi! Sta note m’ispirito.

Beatrice. Abbiate pazienza, che sarete consolata. (parte)

Bettina. (Si pone a sedere) Oh pazenzia benedeta, ti xe molto longa! So cossa ch’ho patio a vederme arente del mio Pasqualin e star imascherada, aciò che nol me cognossesse. Me sentiva strazzar el cuor. Ma l’onor xe una gran cossa!

SCENA XXVH.
La marchesa Beatrice con Pasqualino al buio, e detta.

Beatrice. Pasqualino, trattenetevi in questa camera fin che io torno; e acciò non abbiate paura, vi serrerò colla chiave. (forte, sicchè Bettina possa sentire)

Pasqualino. Ma perchè hoggio da star qua?

Beatrice. Lo saprete poi. Addio, buona notte. (parte, e chiude l’uscio)

Bettina. (Oh povera Bettina! Adesso stago fresca). (da sè)

Pasqualino. Anca questa la xe bela. La me cazza in t’una camera a scuro, senza dirme el perchè? Cossa hogio da far qua solo e senza luse? Oh, se qua ghe fusse la mia Betina, saveria ben cossa far! Ma sa el cielo dove che la xe. Eh, senz’altro quella cagna sassina la m’ha abandonà, la m’ha tradio.

Bettina. (Oh povereta mi, no posso più!) (da sè)

Pasqualino. Credeghe a le done! Tanti pianti, tanti zuramenti, tante mignognole1, e pò tolè, la me l’ha fata, la m’ha impianta.

Bettina. (No, anema mia, che no t’ho impiantà). (da sè)

Pasqualino. Ma chi l’averave mai dito! Una puta tanto da ben, che no la me voleva in casa mi per paura de perder la re-

  1. Vezzi, moine.