Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/512

502 ATTO TERZO


no metto in contingenza sto fatto, perchè cognosso da ste do diverse nature la verità. Ve digo ben a vu, donna matta, che meriteressi che la mia colera se revoltasse contra de vu, per esser stada lo causa de sto desordene: ma el Cielo v’ha castigà, perchè tentando co inganno de aver un fio vertuoso e ben educà, el xe riuscio pezo assae che se l’avessi arlevà in casa vostra. Onde xe la veritae, che l’inganno casca adosso a l’ingannador, che dal mal no se pol mai sperar ben, che de le donne tanto xe cattivo l’odio quanto l’amor, e che tutte vu altre bisognerave metterve a una per una in t’un morter, e pestarve, come se fa la triaca1. (parte)

SCENA XXIV.
Lelio, Menego e donna Pasqua.

Lelio. Madonna, avete detto il vero, o l’avete fatto per liberarmi dalla prigione? (a donna Pasqua)

Pasqua. No, fio mio, pur tropo ho dito la veritae.


Lelio. Io son l’uomo più contento di questo mondo.

Menego. No son miga contento mi.

Lelio. Caro padre, perchè?

Menego. Perchè no me par de star tropo ben, acquistando sto bel fior de vertù.

Lelio. Sentite, io ho fatto poco buona riuscita, perchè mi volevano far fare una figura lontana dalla mia inclinazione. Datemi una berretta rossa, un remo in mano, e una buona barcaruola al fianco, e vedrete se nuscirò bene.

Menego. E ti voressi far el barcariol col linci e squinci?

Lelio. El ghe xe, parlerò anca mi veneziano.

Menego. Via, che ti fa stomego. Siora mugier, l’ave fata bela.

Pasqua. Caro vechio, no so cossa dir. Ho fato per far ben.

  1. Grandissimo l’uso della triaca (o tenaca) a Venezia e il commercio in Levante. Più famose per questo medicinale, ai tempi del Goldoni, erano le farmacie all’insegna della Madonna a S. Bartolomeo, e alla Testa d’oro, sul ponte di Rialto.