Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/509


LA PUTTA ONORATA 499

Menego. Poderia esser che ve stufessi, perchè la xe una bela cossa vogar per spasso e per devertimento; ma vogar dì e note, a piove, a giazzi, a neve, col vento, col scuro, con quei malignazi calighi: el xe un divertimento, che se podesse, ghe ne farà ve de manco volentiera.

Lelio. Tant’è; ognuno ha la sua passione, ed io ho questa.

SCENA XXII.
Donna Pasqua e detti.

Pasqua. Bara Menego, dove seu ficao? Tuto ancuo che ve cerco, e no ve trovo.

Menego. Oh mugier! Ben vegnua.

Pasqua. Vegnì qua, caro fio; xe tanto che no ve vedo, tochemose la man.

Menego. Sì, cara la mia vechieta, se cocoleremoa, no ve dubitè.

Lelio. (Quanto mi piace questa buona vecchia!) (da sè)

Pasqua. Cossa feu de sto bel zovene? (a Menego)

Menego. Ve piaselo?

Pasqua. Mi sì, varè.

Menego. Se volè, comodeve.

Pasqua. Lo poderave anca basar.

Menego. Che cade! Fè vu; aveu paura che sia zeloso?

Pasqua. (Se ti savessi chi l’è, no ti diressi cussi). (da sè)

SCENA XXIII.
Pantalone e detti.

Pantalone. Messier Menego, se pol vegnir? (di dentro)

Menego. Chi è? Vegnì avanti.

Lelio. Meschino me! Mio padre.

Pantalone. Ah, ti è qua, desgraziao? Me maraveggio de vu, messier Menego, che tegnì terzo a sta sorte de baroni, a sta

  1. Ci faremo vezzi.