Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/508

498 ATTO TERZO


manda a chiamar. Gnanca? Pazenzia1. Quela maschera col zendà chi mai gierela? Betina? No credo mai. Ah, che ho perso la mia Betina! no so più in che mondo che sia. Se no la trovo, prego el cielo che me manda la morte per carità. Ghe vien da pianzer? (Bettina piange) La varda, le lagreme ghe corre su la bauta; la se cava el volto, e la se suga. No la vol? No so cossa dir. No la vol andar a casa? (Bettina fa cenno di sì) Sì? La servirò. No la vol man, no? (Bettina ricusa la mano) Pazenzia! Se no trovo Betina, son desperà. (parte)

Bettina. Desmascherarme? No certo. Do morosi de note soli? Se el me cognoscesse, no so come l’anderave. (parte)

SCENA XXI.
Camera terrena in casa del marchese Ottavio.
Menego col lampione, e Lelio.

Menego. Donca vostro sior pare ve vol far cazzar in preson?

Lelio. Pur troppo.

Menego. Mo perchè?

Lelio. Perchè è pazzo. Pretenderebbe che io facessi a suo modo, e sento che la natura vi repugna.

Menego. Sentì, sior, mi v’ho defeso e v’ho liberao da le man dei zaffi, perchè no i gh’aveva ordene de chiaparve, e perchè la xe tropa temeritae de colori vegnir in t’un bozzoloa de galantomeni a far un afronto. Da resto ve digo che i fioi i ha da obedir so pare: e coi buta tressib el pare fa ben a castigarli e no filarghe el lazzo, perchè col tempo i fioi cattivi i se scusa col dir ch’el pare li ha mal usai.

Lelio. Ma se tutto quello che piace a mio padre non piace a me? S’io fossi, per esempio, vostro figlio, e avessi a fare la vita che fate voi, sarei tutto contento.

  1. In un cerchio.
  2. Di mal costume.
  1. Così Sav. e Zatta; Paper, e altri: pacienza.