Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/506

496 ATTO TERZO

Beatrice. L’ho mandata a casa mia colla Contessa mia cugina, acciò non frastorni quanto abbiamo colla medesima concertato.

Bettina. (Gran note per mi xe questa!) (da sè)

SCENA XVIII.
Pasqualino e detti.

Pasqualino. Oh fortuna traditora, dove mai xe andada la mia Betina?

Bettina. (Caro el mio ben, se te podesse dir che son mi!) (da sè)

Beatrice. (Ecco appunto Pasqualino; l’ho mandato a cercar apposta). (piano a Bellina)

Bettina. (A posta? Per cossa?)

Beatrice. (Apposta per voi).

Bettina. (Per mi? Ma cossa ghe n’hogio da far?)

Beatrice. (Non vi ha promesso?)

Bettina. (Lustrissima sì).

Beatrice. (Bene, andate con lui).

Bettina. (Oh, questo pò no. No l’è gnancora mio mano).

Beatrice. (E per questo?)

Bettina. (Son una puta onorata).

Beatrice. (Bel carattere ch’è costei!) (da sè)

Pasqualino. La parona m’ha mandao a cercar. La m’ha fato dir che l’aspeta qua. Cossa mai vorla? Ah dove xe mai andada la mia Betina? Xela scampada via? M’hala tradio? M’hala abandonà? Sento che me manca el respiro.

Beatrice. (Miratelo, se non fa compassione). (a Bettina)

Bettina. (Se podesse, lo consolaria).

Beatrice. (Perchè non potete?)

Bettina. (Perchè no son so mugier).

Beatrice. (Almeno datevi da conoscere).

Bettina. (Se me dago da cognosser, lu me vol ben a mi, mi ghe vôi ben a elo, no so cossa che possa succeder).

Beatrice. (Siete troppo rigorosa).

Bettina. (Son una puta onorata).