Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/504

494 ATTO TERZO

Menego. Co la piase ai barcarioi, la sarà bona. Nualtri semo quei che fa la fortuna dei comedianti. Co i ne piase a nu, per tuto dove ch’andemo, oh, che comedia! oh, che comedia! oh, che roba squesita! In teatro, co nu sbatemo le man, le sbate1 tuti, e anca nu2 ne piase el bon. No ghe pensemo nè de diavoli, nè de chiassi; e gh’avemo gusto de quele comedie che gh’ha del sugo.

SCENA XV.
Un Capitano degli sbirri co’ suoi uomini, poi Lelio e detti.

Nane. Oe, la peveradaa.

Tita. Fali la sguaita3 a qualchedun?

Nane. Chi sa, i va cercando el mal co fa i miedeghi.

Menego. Eh gnente. I va per tuti i teatri, e i fa ben. Cussi i tien neto dai ladri.

Lelio. (Oh cari! Tre barcaruoli che se la godono assieme! Oh che bella conversazione!) (da sè)

Menego. Chi elo sto sior, che ne va lumandob? (a Nane)

Tita. Comandela barca?

Lelio. Padron Tita, siete voi?

Tita. Oh, sior Lelio, la xe ela?4

Menego. Chi elo? Qualchedun de queli de la marmotina? (a Titta)

Tita. El xe patrioto nostro venezian, arlevao a Livorno.

Nane. Col xe venezian, ch’el vegna. Comandela? (a Lelio)

Menego. Via, a la bona, e viva la patria. (a Lelio, e gli danno da bere)

Lelio. Questo vin el ghe xe bon, el ghe me piase assaic. (vuol parlar veneziano, e non sa)

Menego. Me ghe xe consolo tanto. (burlando)

  1. I birri
  2. Guardanao.
  3. Il parlare di Lelio è qui veneziano contraffatto da lui, per acquistar grazia dalla compagnia, e mostrar che sa parlare.
  1. Sav. e Zatta: le sbate.
  2. Bett., Sav. e Zatta; a nu.
  3. Spia.
  4. Sav. e Zatta: ela la xe?