Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/503


LA PUTTA ONORATA 493

Menego. Che cade! Son galantomo. Tiò, vatte a tior tanti pomi coti. (gli dà due soldi)

Ragazzo. A prender i viglietti, siore maschere. Oe, me lasseu vegnir drento? Xe deboto quattr’ore. (al Portinaro che apre, ed entra)

Menego. Sana, capanaa.

Nane. Pro’ fazza.

Menego. A vu, compare. (a Nane)

Nane. Salute. (beve)

Menego. Vostra.

SCENA XIV.
Tita dalla porta del teatro, e detti.

Menego. Compare, vegnì a nu. (a Tita)

Tita. Compare, pania?

Nane. Degneu vegnir a nu? (a Tita)

Tita. Son qua.

Menego. Senteve, che tanto se paga. (gli danno da bere)

Tita. Bon da amigo, ma bon do volte. (bevendo)

Menego. A sti musi cussi i ghe lo dà.

Nane. Calcossa ve l’avè godesta in teatro.

Tita. Mare de diana! Che ho ridesto.

Menego. Gh’è zente?

Tita. A marteletob.

Menego. Piaseli?

Nane. Poverazzi! i se inzegna; ma ti sa cossa xe sto paese. Qua se fa acceto a tuti; lori se sfadiga, e la zente ghe dà coragio. (si sente di dentro in teatro batter le mani, e dir bravo, bravo)

Menego. Oe, senti che bocon de fracasso! (si torna a sentire l’applauso)

Tita. Via, che la vaga.

Menego. Che xe assae barcarioi drento?

Tita. Pi de cento.

  1. È un brindisi.
  2. In grandissima quantità.