Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/502

492 ATTO TERZO

Menego. Zoggie?

Nane. Diamanti da Murana superbonazzi.

Menego. El paron xelo zeloso?

Nane. Sì ben, zeloso. El se leva la matina a bonora, e el dà liogo a la fortuna.

Menego. Senti, anca el mio paron xe de bon stomego.

Nane. Ma la to parona no xela so muggier?

Menego. Sì ben, ma cossa importa? I usa cussì. Moda niova, moda niova.

Nane. Come stalo de bezzi el to paron?

Menego. Giazzob tanto che fa paurac.

Nane. E sì mo tanto lu che ela i fa una fegurazza spaventosa.

Menego. Senti, un de sti zorni: ora mi vedete, ora non mi vedete.

Nane. Vorlo falir?

Menego. Eh, sti siorazzi no i falisse, i se tira in campagna, i licenzia la servitù, i zuna1 un per de anni, e pò i toma a Venezia a sticarla.

Nane. I dise che so muggier la zioga a rota de colo.

Menego. E chi ha d’aver, aspeta.

Nane. L’altro zorno m’è sta dito che i ha fato un disnar spaventoso.

Menego. Domandeghe al galiner, che ancora l’ha d’aver i so bezzi del polame.

Nane. E ti i to bezzi te li dali?

Menego. Piase! Se i vol che laora.

SCENA XIll.
Il Ragazzo col vino, e detti.

Ragazzo. Oe, son qua col vin.

Menego. Bravo.

Ragazzo. Me deu la gazzeta?

  1. Vetri.
  2. Ghiaccio. Tutte le edd. stampano ghiazzo.
  3. È al verde, non ha quattrini.
  1. Zunar, digiunare.