Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/500

490 ATTO TERZO


Beatrice, Bettina e Catte al teatro; poi Menego Cainello con il Marchese e quattr’uomini, che vanno al teatro. E il ragazzo di quando in quando grida: a prender i viglietti ecc.; poi si sente di dentro gridare: Qua, se la va fuora. S’apre una porta, da dove escono Menego e Nane coi lampioni.

Menego. Compare Nane, sioria vostra.

Nane. Sana1, compare Menego.

Menego. Ola, v’ela passada?

Nane. De cossa?

Menego. De quel bocon de criada.

Nane. No me ne ricordo gnanca più, varè.

Menego. Co semo in pope, nemici, co semo in tera, amici e fradei carnali.

Nane. Bisogna de le volte criar per reputazion, siben che no se ghe n’ha vogia.

Menego. Per cossa credistu che no abia dà indrio? Per el paron? Gnanca in te la mente. Made2. L’ho fato, perchè ghe giera cinquanta barcanoi che me vedeva, e se siava, i me dava la soggia3.

Nane. Gh’astu el paron a la comedia?

Menego. Compare si.

Nane. Anca mi son con un foresto, che xe arivao sta matina. L’ho servio de l’altre volte, e nol me fa torto.

Menego. La stichelo?

Nane. Aria granda.

Menego. Gh’alo la macchina4?

Nane. No se salo.

Menego. Caro ti, cónteme5.

Nane. Andemo al maga6.

Menego. Made, tiremose a la bonazzaa. (

  1. Dove non si sente aria.
  1. «Sana capàna. Locuz. furbesca de’ nostri barcaiuoli, e vale Alla salute della compagnia. Specie di brindisi»: Boerio, Diz. cit.
  2. Mai, mai no.
  3. Dar la soia, beffare.
  4. La cicisbea, l’amante; vedi più avanti.
  5. Bettin.: contime.
  6. Maga o magazen, luogo dove si vende vino al minuto, taverna: v. Boerio.