Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/497


LA PUTTA ONORATA 487


principiar. Gh’ho suspeto sul Marchese. Dubito de Pasqualin. Gh’ho dei omeni che zira per mi. Farò tanto, che vegnirò in chiaro de la verità; e chi me l’ha fata, zuro da marcante onorato, che me l’averà da pagar. (parte)

SCENA X.
Catte sola.

Oh che zuramento che l’ha fato! No digo che no ghe sia dei mercanti onorati, ma mi so, che se ho volesto sta carpeta1 in credenza, ha bisognà che la paga do lire al brazzo de più de quel che la val. Sto zendà i me l’ha venduo per zendà dopio da Fiorenza, e el xe da Modena; e co ghe porto el laorier indrio, i dise sempre che cala el peso, per tegnirme qualcossa su la fatura. No se pol più viver; i vol tuto per lori. Ma intanto stago qua al fresco, a parlar da mia posta co fa le mate. Vedo a vegnir un feral; sel2 va da le mie bande, ghe vago drio.

SCENA XI.
La marchesa Beatrice mascherata in bauta, Bettina in vesta e zendà colla moretta3, Servitore col lampione, e detta.


Beatrice. Così è. L’acqua mi fa male: non posso andar in barca e vado per terra.

Bettina. Dove andemio, lustrissima?

Beatrice. Alla commedia.

Bettina. La me compatissa, no me par che la sia sera da andar alla comedia.

Beatrice. Vi dirò: vado al teatro e vi conduco meco appunto per consegnarvi ad una mia parente, che troverò colà senz’altro.

  1. Sottana, gonnella. Boerio.
  2. Sav. e Zatta; se i.
  3. «Maschera, ma è propriamente quella coperta di velluto nero che sta attaccata alla faccia mediante il tener in bocca un bottoncino, che v’è nel sito in cui dovrebb’essere l'apertura della bocca»: Boerio, Diz. cit.